La calunnia è un venticello che distrugge il clima aziendale?

La calunnia è un venticello cantava Basilio nel Barbiere di Siviglia. Ma la calunnia, o meglio il pettegolezzo maldicente, è anche il miglior modo per distruggere il clima aziendale. Nell’era della post-verità, ancora più di prima, la leadership aziendale deve fare da guardiana, mostrando tolleranza zero per discorsi non basati sui fatti o non basati su fatti verificabili. Anche semplicemente ascoltare in modo acquiescente un pettegolezzo equivale a supportarlo. Perché una volta messo in giro, è come un venticello e avvelena l’aria che tutti respirano. Il pettegolezzo infatti crea un clima di dubbio reciproco e sfiducia oltre a ridurre le energie disponibili per il lavoro (mettere in giro pettegolezzi e difendersi dai pettegolezzi altrui è molto time-consuming). Non va confuso con il riaccogliere informalmente informazioni su fatti e persone, che ovviamente è utile e non nocivo, né con la richiesta di consigli. Ma se si sta parlando di una situazione problematica con qualcuno che non è né parte del problema né della soluzione, c’è qualcosa che non va. Se si deve chiedere un consiglio su come comportarsi con una persona, meglio chiederlo senza dire di chi si tratta. Se si deve riportare un comportamento scorretto, lo si fa con chi può prendere provvedimenti.